Come Cambiare Vita

(11 Suggerimenti su come cambiare vita ed essere felici)

Sono molte le persone intenzionate a capire come cambiare vita e vivere felici, cambiare è un argomento complesso e chi, come me, sente il bisogno di attuarlo, necessita di conoscere gli aspetti sui quali lavorare. Per raggiungere la felicità ognuno di noi dovrà prima stabilire quali sono le cose che gli impediscono di essere felice e in secondo luogo attuare le strategie giuste per rimuovere queste barriere.

Il cambiamento parte sempre dall’interno di noi stessi, per questo motivo è necessaria una svolta secca non solo nel modo di agire e pensare, ma anche nel modo in cui concepiamo la realtà e interpretiamo gli eventi.

Ho stilato undici suggerimenti su cui ognuno dovrebbe riflettere al fine di riportare la propria vita sui binari giusti e capire come riuscire ad essere felice.

1. Usa bene il tuo tempo

Il tempo è il bene più grande che abbiamo, non solo perché con il denaro non si potrà mai comperare il tempo, ma soprattutto perché il meccanismo del consumismo ci vuole privi di tempo, al fine di impedirci di ragionare sulle cose e agire di istinto, consumando e sprecando il più possibile. Per avere tempo occorre prima di tutto smettere di fare cose inutili, come ammassarsi nei centri commerciali il sabato pomeriggio, trascorre ore nel traffico, guardare la televisione (vedi anche il punto 11) e dedicarci ad attività che non migliorano la nostra condizione psicologica.

Imparare ad alzarsi presto al mattino è un buon modo per sfruttare al massimo il tempo a nostra disposizione; al mattino siamo freschi ed efficienti e possiamo portare a compimento azioni che la sera richiederebbero uno sforzo maggiore.

Il tempo quindi va dedicato esclusivamente a quelle attività volte a permetterci di vivere felici; sfruttarlo per guadagnare più denaro di quello che veramente ci serve per vivere, è un assurdo spreco, soprattutto se questo denaro poi viene speso per oggetti inutili, che non ci aiutano ad essere felici e cambiare vita.

tempo

2. Impara a lavorare poco

Il lavoro dovrebbe essere un mezzo e non un fine, ovvero permetterci l’autosostentamento senza imprigionarci a vita. Per questo motivo è importante lavorare in modo meno frenetico possibile, senza stress e con profitto, al fine di guadagnare quel tanto che basta per vivere bene e dare sicurezza per il domani, eliminando completamente gli sprechi.

Come spesso accade, il troppo lavoro è la causa principale della nostra infelicità; anche se non ce ne rendiamo conto i ritmi frenetici, le troppe responsabilità, l’ambiente competitivo e gli obiettivi spesso impossibili, non ci permettono di essere tranquilli. Questo stato di negatività perenne si ripercuote inevitabilmente su tutta la nostra vita, e su quella delle persone con cui quotidianamente ci relazioniamo.

Nessuno vuole circondarsi di persone stressate, questo porta chi è troppo dedito al lavoro a venir emarginato e di conseguenza ad immergersi ancora di più nel lavoro, facendo di questo “mezzo” la propria ragione di vita e perdurando in uno stato di perenne infelicità. Tuttavia oggi, il poco e saltuario lavoro, il lavoro precario e il lavoro che manca… sono altrettanto fattori di grande preoccupazione e di stress. E allora che fare?!

3. Ascolta solo i tuoi bisogni

Abbiamo una spiccata tendenza a dire si, anche alle cose a cui istintivamente vorremmo dire no; questa inclinazione è principalmente dovuta alla volontà di non deludere mai gli altri, o meglio, di essere sempre all’altezza delle aspettative. La società in cui viviamo ci impone come stereotipo l’uomo scattante, dinamico, pronto a tutto, disponibile e giovane, è questo modello che contribuisce a farci sentire in colpa quando neghiamo il nostro aiuto o il nostro coinvolgimento in situazioni che riteniamo non idonee a noi. Sotto questa spinta psicologia quindi accade che spesso ci ritroviamo a fare cose che non desideriamo e che non ci danno la felicità.

Per questo motivo, per cambiare vita è assolutamente necessario imparare a negarsi alle situazioni e alle persone che ci provocano disagio e malessere… nel contempo occorre saper seguire principalmente i propri reali bisogni. Avere bisogno di tranquillità, di spazio per se stessi, di amicizie vere, di stare con chi veramente hai scelto di stare, sono gli unici imperativi categorici.
Potremmo così dire si solo a chi veramente ci interessa e fare solo quello che ci rende veramente felici.

4. Rifletti bene prima di agire

Fin da piccoli siamo stati abituati ad essere reattivi e a saper rispondere velocemente alle richieste; ci fanno credere che chi è svelto è più intelligente e riuscirà meglio nelle cose. Questa pessima abitudine non solo aumenta la competitività tra le persone generando fastidio, ma ci confina in uno stato psicologico che il più delle volte ci induce a fare scelte poco ragionate; siamo talmente disabituati a ritagliarci il giusto tempo per pensare, che rischiamo di prendere troppo velocemente, decisioni anche molto importanti.

Bisogna rendersi conto come ogni nostra azione abbia delle conseguenze non solo su noi stessi, ma spesso sulle persone che ci circondano, e come sia necessario riflettere bene prima di agire. Una scelta sulla quale si ha riflettuto a lungo, magari informandosi o consultando chi è più esperto di noi, non può che condurci verso la felicità e il traguardo che ci siamo imposti: “cambiare vita”.
Lasciando che le idee maturino, è più facile rendersi conto di ciò che si sta facendo, migliorando la propria condizione e l’approccio che si adotta nelle decisioni.

prima di (2)

5. Cambiare significa andare controcorrente

Andare controcorrente è quanto di più difficile ci sia, quando si fanno affermazioni o si prendono decisioni impopolari si viene inevitabilmente giudicati ed etichettati come diversi.
E’ la società in cui viviamo che ci inculca il messaggio che essere ben integrati è ok, mentre pensare diversamente è da perdenti. Talvolta però per cambiare vita è necessario intraprendere scelte drastiche, che possono scontentare le persone ed essere etichettate come errate, anche se non lo sono; per questo motivo è molto importante imparare ad andare controcorrente e dare il giusto peso al giudizio altrui.

Nessuno ha tutti i consensi, nemmeno il Papa, per questo motivo ci sarà sempre qualcuno che giudicherà male le nostre scelte, il nostro modo di pensare o le nostre prese di posizione, inoltre le persone hanno la spiccata tendenza e giudicare gratuitamente gli altri, anche se non ne hanno il diritto, e si permettono di sentenziare su argomenti che spesso non conoscono veramente.

se-qualcuno-ti-parla-dietro--vuol-dire-che-tu-sei-parecchio-avanti--21b5feae-be15-4c83-aa82-c160cd010f93 (2)

Per questi motivi va dato un peso estremamente relativo a quello che dicono gli altri e solo in questo modo saremo in grado di scegliere liberamente la strada per «cambiare vita» e vivere felici.

6. Amplia la tua cultura

Ampliare la propria cultura è come prendere un medicinale che ci viene prescritto dal medico, una pillola di cultura al giorno ci aiuta a guarire dalla mediocrità nella quale il sistema ci vuole confinare, a capire le cose, i meccanismi che le muovo, ad essere lucidi e decisi nelle scelte.

Leggere molto, ma anche semplicemente informarsi attraverso la stampa libera su internet, può essere determinante per modificare il nostro modo di pensare al fine di fare le scelte giuste, cambiare vita e essere felici. Le persone ben informate e culturalmente preparate non solo non si fanno aggirare facilmente, ma creano basi solide su cui costruire le proprie convinzioni e scelte.

Nel viaggio verso il cambiamento può essere utile anche avvalersi di quelle forme di cultura che aiutano a sviluppare l’animo e rendono più sensibili al Mondo che ci circonda: Scrivere, dipingere, suonare e recitare aprono la mente a nuovi orizzonti, aiutano a rilassarsi e riflettere sulle bellezze della vita e su cosa può aiutarci ad essere felici.

la-cultura-è-la-torta (2)

7. Migliora il rapporto con le persone

Quasi tutto quello che possiamo ottenere nella vita, compresa la nostra felicità, dipende dagli altri; in questo senso i rapporti con le persone sono essenziali e vanno coltivati nel migliore dei modi. L’approccio non competitivo è fondamentale per l’armonia con chi ci sta vicino, aiuta a non scontrarsi mai e a relazionarsi con serenità. Stiamo meglio con persone che non sentenziano su ogni nostra affermazione o ci giudicano continuamente e questo vale anche per gli altri.

I rapporti interpersonali sono uno dei pilastri sui quali basare la nostra esistenza, l’amicizia e l’amore sono le uniche cose che ci possono permettere di vivere felici; tutto quello che facciamo, anche semplicemente comperare vestiti alla moda o macchine di lusso, lo facciamo per fare colpo sulle persone ed essere amati.

Questi mezzucci però non portano al miglioramento dei legami (tuttalpiù all’invidia o alla competizione), per capire come essere veramente amati, bisogna impegnarsi ad essere delle belle persone, ascoltare gli altri invece di parlare sempre, interessarsi alle loro argomentazioni e rendersi disponibili nel momento del bisogno. Facendo così otterremo lo stesso atteggiamento nei nostri confronti.

Cambiare-vita, passa inevitabilmente attraverso una rivisitazione dei rapporto con gli altri, se si è infelici, ci si sente incompresi o soli, dipende solo dal nostro modo errato di relazionarci con chi ci sta vicino, per questo è assolutamente necessario concentrarsi su chi ha dimostrato vero amore o amicizia, anche se questo comporta tagliare i rapporti con persone meno importanti per noi e per il nostro percorso volto a cambiare vita.

persone

8. Puoi fare qualunque cosa

Se non abbiamo fiducia nelle nostre possibilità non possiamo nemmeno pensare di intraprendere un cammino nuovo e cambiare-vita. In quanto esseri umani siamo tutti dotati delle medesime capacità, sta a noi saperle sviluppare: Potenzialmente non abbiamo alcun limite nell’imparare.

“Non sono capace” è una frase che andrebbe cancellata dal nostro vocabolario, o quantomeno andrebbe sostituita con “Adesso non sono capace” perché possiamo effettivamente imparare qualsiasi cosa, soprattutto nell’era di internet, in cui online si trovano manuali e forum che trattano qualsiasi tipologia di argomento.

Cambiare vita passa attraverso l’assoluta convinzione di potersi reinventare nel ruolo che più ci piace, basta essere fermamente conviti delle nostre capacità, anche di quelle che non abbiamo, ma che possiamo acquisire con lo studio e la giusta dedizione.

carpe diem

9. Impara ad ammettere gli errori

Tutti sbagliamo e lo facciamo veramente spesso, ogni errore però è una chance che la vita ci ha dato per imparare e migliorarsi, a patto di essere in grado di riconoscere gli sbagli e lavorare per evitare di commetterli nuovamente. Sviluppare la capacità di ammettere, non solo i propri errori, ma anche le proprie colpe è essenziale per cambiare vita: Nascondersi di fronte ai passi falsi e non essere in grado di riconoscersi non infallibili, non può aiutarci nel cambiamento.

Dimostrarsi capaci di questo, e ben disposti verso gli altri ad addossarsi le giuste colpe, lasciando da parte stupide reazioni d’orgoglio, non può che migliorare la nostra condizione mentale e i rapporti con le persone che ci circondano.

Nel percorso intrapreso per cambiare vita, saremo soggetti ad una quantità impressionante di errori, è naturale perdersi quando si esplorano territori nuovi, di conseguenze bisogna essere ben disposti ad ammettere gli sbagli e trovare la forza per tentare una strada diversa.

il libro degli errori

10. Stabilisci traguardi e scadenze

Quando si cerca di cambiare vita è opportuno stabilire tutti i traguardi che si vogliono raggiungere ed è assolutamente necessario farlo nel modo più concreto possibile. Fare una lista, con obiettivi specifici e date entro le quali si devono ottenere dei risultati è l’unico punto di partenza. Prima di una lista c’è il caos e la disorganizzazione, dopo, la pianificazione e il metodo.

I traguardi vanno stabiliti in ogni aspetto della nostra vita, mentale, fisico, emozionale e lavorativo, questo per evitare di vivere in uno stato di completa anarchia, lasciando che siano gli eventi a travolgerci e non noi a dominarli. Impossibile cambiare vita ed essere felici senza un’organizzazione ad ampio raggio su quello che vogliamo fare, dove vogliamo arrivare e in che tempi.

New Life

11. Liberati della televisione

Fai questo esperimento: Per tre giorni consecutivi segna su un pezzo di carta quante ore al giorno passi davanti alla televisione, arrivato alla fine dei tre giorni fai la somma. Ti renderai conto di aver buttato via una marea di tempo. Secondo un recente studio sembra che ogni italiano passi mediamente 5 ore davanti alla televisione… anche se le ore fossero 3, facendo i conti in un anno butteremmo via 45 giorni. Non a caso il primo punto della lista è “Usa bene il tuo tempo”, ci lamentiamo spesso di non avere abbastanza tempo e poi buttiamo più di un mese all’anno paralizzati davanti al televisore.

Per cambiare vita è basilare dedicare tutto il tempo possibile al nostro progetto, il primo passo è quello di spegnere definitivamente la televisione; l’apporto culturale che il mezzo televisivo ci può donare è assolutamente trascurabile, soprattutto in relazione alla quantità di tempo che ci ruba, inoltre l’insistenza degli spot pubblicitari e il messaggio profondamente deviato che trasmettono, limita la nostra libertà d’azione e l’emancipazione mentale. Nonostante fin da piccoli siamo stati abituati alla televisione come ad un immancabile compagno di vita, essa non è altro che uno strumento di controllo che manipola i gusti e le tendenze di milioni di persone, contribuendo a limitare lo stato mentale necessario a “cambiare vita”.

vecchio-televisore-gettato

E’ sempre tempo di Coaching!

se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti
oppure: prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita

 

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.