Italia: perché le bugie di Salvini e Meloni porteranno l’Italia alla rovina…

La guerra al Mes o così detto “salva stati”, assieme alle liti continue sulla manovra economica di questa sempre più”incredibile” maggioranza di governo, che ripetono un copione già visto ci riporta indietro di qualche mese e ci isolerà  di nuovo in Europa e causerà ulteriori e profonde divisioni interne… D’altronde le minacce di crisi del Conte 2 sugli spiccioli con la repentina salita al Colle del Presidente del Consiglio, sono l’ennesima fotografia di un governo fermo in un paese fermo. Si spiega così quanto scrive il Censis nella sua analisi  sullo stato del Paese nel 2019: la totale crisi di sistema genera una richiesta maggioritaria da parte dell’opinione pubblica dell’uomo forte e non viceversa, come si tenta di farci credere dalla propaganda elettorale della Destra. Davanti a questa minaccia, la maggioranza di governo dovrebbe avere l’umiltà di unirsi, per costruire un vero muro di resistenza civile. Invece, con la sua debolezza strutturale, permette a Matteo Salvini di dichiarare di non aver mai saputo nulla del “Salva Stati” di cui si è discusso quando anche lui era al governo in parlamento. Le notizie su quell’accordo inter-Stati, come è stato ben detto durante tanti trasmissioni TV, erano quindi ben note, stavano commentate sulle pagine dei maggiori giornali italiani proprio ai tempi in cui Salvini era ministro degli Interni e vicepremier del primo governo di Giuseppe Conte. Chissà, Forse in quei giorni aveva già iniziato a ingurgitare “piadine e moijto” per ricordarsi degli articoli del Corriere della Sera. D’altronde anche Claudio Borghi, si è scordato di tutto ciò anzi ancor peggio, si è scordato di aver acclamato e condiviso con un voto favorevole, la revisione dell’accordo sul Mes, in Commissione Bilancio di cui è (a maggioranza cambiata) ancora il presidente, mentre oggi è in prima linea ad accusare Conte di “alto tradimento”. Il guaio è che una gran parte dell’elettorato potenziale crede alle menzogne di Salvini & C. ai quali s’aggiunge Giorgia Meloni con altrettante menzogne, si dimenticano tutti quanti come abbiano nel proprio passato, o comunque in quello dei loro partiti, uno degli episodi più vergognosi e menzogneri della Storia d’Italia. Furono loro che stabilirono (cioè costrinsero il parlamento a votare) che la famosa Ruby ebbe particolari attenzioni da parte di Silvio Berlusconi perché era la nipote di Mubarak. Anche la battagliera Meloni, fustigatrice di presunte bugie di altri, dimentica quindi le proprie. Quello che viene fuori in questi giorni dalla Destra è una sorta di ripetizione del copione che l’ha portata sulla cresta dell’onda nei mesi del governo gialloverde. Si intimoriscono i risparmiatori, si favoleggia contro l’Europa (poi, come fa Salvini, si tratta sottobanco per entrare nel Partito Popolare Europeo) e quando si sarà fatta strada negli italiani di esser ormai alla rovina si ritornerà sui migranti. La paura della miseria, l’odio verso la casta europea precedono sempre la xenofobia e il razzismo. La svolta moderata di Salvini accreditata nelle scorse settimane è già una barzelletta. È invece, lo stesso copione della destra degli Anni 20 e 30 attualizzato ai nostri tempi. Certo che  non valgono i paragoni con Mussolini e Hitler. soprattutto perché Salvini e Meloni sono su un livello molto più modesto e saranno d’ora in poi anche impegnati in una battaglia fratricida per la leadership del loro schieramento. Rimane comunque importante sottolineare che Salvini e Meloni sono due politici che dicono cose non vere, che agitano temi in cui non credono e che senza alcun scrupolo addirittura attaccano posizioni da loro portate e difese precedentemente!? Per una ragione assai semplice. Perché, con buona pace di Alessandro Campi, politologo raffinatissimo e critico intelligente della politiche della sinistra costruita sull’approfondimento di temi, autori e movimenti politici rappresentativi della “destra” italiana ed europea. Con questi due imbroglioni, l’alba che si avvicina sarà terribile e porterà al governo, ancora una volta, la peggiore classe dirigente del Paese.  Stando al Censis sembrerebbe che la maggioranza degli italiani sia propensa a bere l’amaro calice fino in fondo. Forse è già tardi immaginare scelte politiche, come quella delle Sardine, che sappiano smontare la catena di odio che viene fuori dagli interventi di Meloni e Salvini. Ma bisogna aver ben presente che l’Italia che potrebbe uscire dalle prossime elezioni (con il voto degli italiani) non sarà più un Paese europeo. E forse non sarà più nemmeno un Paese unico. Non sarà un Paese europeo perché chi mai potrà fidarsi di questa classe dirigente di incendiari senza progetto? Non sarà un Paese unico perché la tentazione del “potere pieno e assoluto” tornerà a farsi viva e troverà una risposta adeguata che dividerà ulteriormente gli italiani. Personalmente non capirò mai perché di fronte a questi due bugiardi che rischiano di prendersi l’Italia, non si trovi l’umiltà di unirsi in uno schieramento a reale difesa della nostra democrazia costituzionale. Preferendo discutere degli “spiccioli” di una manovra economica già “asfittica” per stato di necessità” e non di difesa istituzionale della nostra democrazia e delle libertà civili. Dai giovani, dai movimenti delle donne da tutti coloro che l’uomo forte l’hanno conosciuto e provato e hanno quindi cognizione di causa del pericolo antidemocratico che rappresenta… questa richiesta d’unità viene forte. È un delitto non capirlo. Chi vorrà sottrarsi a questo compito di creare un muro di resistenza civile contro la coppia dei facinorosi porterà grandi responsabilità. Loro non ci porteranno forse al fascismo. Non ne sono forse capaci e/o forse li fermeremo prima. Ma percorreranno fino in fondo la strada dell’isolamento dell’Italia dall’Europa e della divisione degli italiani. Ci toccheranno tempi bui di tensioni illiberali, con l’attacco alle libertà individuali e collettive, con la violenza psicologica e anche fisica nei confronti di coloro che non accetteranno in silenzio il loro possibile dominio… questa situazione colpirà anche voi che sperate nei “pieni poteri” dell’uomo forte,  che verranno usati anche nei vostri confronti, per negarvi le false promesse di questi “bugiardi seriali”. Siete soddisfatti? Sveglia anche voi avete un problema!!

E’ sempre tempo di Coaching!

Se hai domande o riflessioni da fare ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuito

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.