8. Una Life Skills importante: Il pensiero critico…

“Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono sempre

sicurissimi, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi”

(Bertrand Russell)

Il pensiero critico è l’abilità che ci consente analizzare in modo oggettivo le informazioni che già si possiedono, valutare e interpretare dati e esperienze al fine di giungere a conclusioni chiare e precise. Avere buone capacità di riflessione di analisi critica della situazione non porta necessariamente a giungere alla conclusione vera: porta però sicuramente e crearsi un giudizio personale, attento e libero da pregiudizi. Più autori, hanno proposto lo stesso modello di pensiero critico: secondo loro è fondamentale per saper valutare le informazioni e ben progettare le azioni. Si tratterebbe quindi non di una singola life skills ma di un insieme di sotto skills che portano il soggetto a saper svolgere cinque diverse operazioni: 1. Chiarificazione = capacità di focalizzare la questione e attribuire ad essa un significato; 2. Analisi = capacità ad articolare la questione nei suoi aspetti diversi, analizzandone anche i punti impliciti; 3. Valutazione = saper accertare il valore delle fonti di informazione verificandone l’attendibilità, l’accordo tra esse, la credibilità; 4. Influenza = capacità di ampliare i dati di partenza, tramite inferenze e deduzioni; 5. Controllo = abilità nel saper monitorare il ragionamento durante tutto il processo. Come tutte le life skills ogni singola sotto skills può essere insegnata e ampliata con diversi interventi. In conclusione si può dire che il pensiero critico è forse la più importante life skills tra le 10 principali… in quanto permette di analizzare le esperienze in maniera obiettiva e può contribuire alla promozione della salute, aiutando i soggetti a riconoscere e valutare i fattori che influenzano i propri atteggiamenti, valori, comportamenti di salute e a limitare le influenze dei coetanei e dei mass-media. Il pensiero critico è l’abilità che tutti (bambini e adulti), devono sviluppare per imparare a risolvere i problemi. Il pensiero critico è un processo mentale che consiste nell’analizzare o valutare delle informazioni, ottenute tramite l’osservazione, l’esperienza, il ragionamento o la comunicazione. Il fulcro del pensiero critico è rispondere alle informazioni piuttosto che limitarsi ad accettarle. Interrogarsi è la componente più importante del pensiero critico. Si interseca con discipline come le scienze, la matematica, la storia, l’economia e la filosofia, tutte necessarie per lo sviluppo futuro della nostra società. Ecco alcune strategie per educare al pensiero critico, che possono essere utilizzate sia da insegnanti che da genitori come: Osservare e trarre conclusioni.  Quando si iniziano a fare osservazioni precise su oggetti o informazioni, allora si è in grado di trarre conclusioni o esporre giudizi basati su tali osservazioni. Quando ci si chiede “Perché?”, si può replicare chiedendo: “Perché secondo te? ” spronando l’interlocutore a trarre le sue conclusioni. Questo è il principio delle abilità di osservazione scientifica che risulteranno utili e necessarie nel corso della vita. Mettere a confronto notizie e argomenti. Ciò consente di esprimere come le cose sono simili e differenti e aiuta ad analizzare e categorizzare le informazioni. Un semplice esempio di questa attività è far mettere a confronto una mela e un’arancia. Consentendo di descrivere le loro similitudini e differenze. Mettere a confronto delle storie è un altro sistema per incoraggiare il pensiero critico. Quando si elencano i punti in comune e le differenze tra loro. Discutere e analizzare le storie.  Ripetere una storia sentita o letta con parole proprie. Ciò stimola a analizzare i personaggi, l’ambientazione, la trama e altri elementi. Sintetizzare così i concetti principali della storia invece di rispondere a delle domande, che non trovano risposte dirette nella storia. Ciò ci consente  di dedurre e trarre le nostre conclusioni in base a quello che abbiamo capito della storia. Un esempio di domanda potrebbe essere “Cosa pensi che l’autore intendesse dire quando…?” oppure “Perché pensi che il personaggio…?” Analizzare i personaggi e l’ambientazione della storia. Questa è un’ottima opportunità che permettere a chiunque di noi di mettere a confronto elementi interni ed esterni alla storia. In modo da poter collegare la storia alla nostra vita e comunque a situazioni reali. Questa è la principale abilità del pensiero critico chiamata sintesi…, in cui iniziamo già da bambini ad utilizzare le informazioni in maniera nuova e ad applicarle a concetti differenti. Apprendere in sinergia con altri. Ci offre la possibilità di apprendere e sviluppare le abilità del pensiero critico poiché condivideremo le loro nostre idee e quelle degli altri imparando gl’uni dagl’altri. Leggere le storie insieme (fin da bambini) e condividere opinioni sulla storia. Aiutandoci   (bambini e adulti) in un  dibattito costruttivo, in cui ognuno può difendere le proprie idee. Raccontare storie prive di conclusione. Raccontare una storia senza una fine e chiedere di completarla è un altro sistema per sviluppare le abilità del pensiero critico. Si devono prendere le informazioni della storia, completarla con creatività e arrivare ognuno alla propria conclusione. Ciò può essere svolto semplicemente chiedendo all’interlocutore “Cosa pensi che accada in seguito?”, riferendosi alla una storia conosciuta e condivisa. Come fosse una favola. Mettere in pratica il Metodo Socratico. Socrate era famoso per l’insegnamento al pensiero critico attraverso l’interrogazione incessante. Tutti siamo portati per natura a porre domande, e spesso ribaltiamo un po’ la situazione rispondendo ai quesiti con ulteriori domande. Assumendo una posizione contraria a quella degl’altri costringendoli a difendere le proprie opinioni su un argomento. 
Le attività elencate possono essere svolte da bambini, ragazzi e adulti, scegliendo argomenti differenti e aumentando il livello di difficoltà. Le attività di pensiero critico predispongono all’apprendimento di materie di studio come la matematica, le scienze e le abilità di lettura. Le abilità del pensiero critico possono essere stimolate applicandole alla solizione di problemi quotidiani anche semplici …come stabilire quante monete sono necessarie per fare un determinato acquisto, quanti secchi di acqua servono per innaffiare il giardino oppure in cosa sono simili o si differenziano due case.

E’ sempre tempo di Coaching!”

se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure: prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.