Elezioni: Il paradosso Salvini: perché la maggioranza è in ostaggio del politico più perdente della destra?

Uno stillicidio. Così Salvini tenta d’incastrare Meloni. Questa eterna trattativa per il Viminale già cancella l’idea di una coalizione laboriosa che non festeggia. Meloni ha bisogno dei tecnici, ma anche dei voti della Lega. Se Salvini resta dentro è una mina sul Governo, se resta fuori è una mina vagante. Come in un gioco dell’oca, si torna sempre alla casella di partenza, il Viminale, a pochi giorni dall’insediamento delle Camere e poco più dall’inizio delle consultazioni. Continua a leggere →
0

Politica: Al Nazareno siamo all’anno zero. Nel Pd è “casino totale”, c’è chi pensa che forse è meglio lasciarsi per restare amici…

Le divisioni interne ai democratici (che compiono 15 anni) non sono più tra radicali e riformisti, ma sono solo ormai tra potentati. Per azzerare questa Babele, che non riesce più neanche a dibattere, bisognerebbe probabilmente prima dividersi di nuovo in due tronconi. Ci si risveglia dal sogno. La realtà è che tutto va male e il Pd apre la discussione su tutto, ...

Continua a leggere →
0

Politica: Partito Democratico che fare? Il Pd Ora vuole andare «oltre il Pd», ma oltre il Pd cosa c’è?

Cambiare il nome, sciogliere il partito, fare un congresso straordinario. Sono tante le proposte fatte a caldo per rimediare la sconfitta alle elezioni. Ma nessuna di queste idee risponde alla domanda fondamentale: cambiare per andare in quale direzione? Adesso nel Partito democratico va molto di moda dire che bisogna «andare oltre». Siamo tornati alla Cosa di Nanni Moretti, allo psicodramma, ma più ...

Continua a leggere →
0

Politica: La rivoluzione (reazione/restaurazione) può attendere. Meloni è costretta a fingersi draghiana, ma intanto deve risolvere la grana Salvini…

Per la leader di Fratelli d’Italia non è ancora il momento di cercare una svolta storica o prendere decisioni irrevocabili. Deve prima costruirsi un’immagine da premier credibile, e difendersi da una Lega che ha già rinunciato a ogni velleità “giorgettiana” in asse col draghismo… «Ci vuole qualcuno che torni a difendere e proteggere confini, leggi, forze dell’ordine e sicurezza in Italia. Qualche idea ce l’abbiamo». Nel gioco delle parti in scena da domenica scorsa Continua a leggere →
0

Elezioni: Contatti di Draghi con l’Ue “Meloni starà ai patti”. Palazzo Chigi fa da garante con Bruxelles, Parigi e Berlino. Le tre condizioni: sostegno all’Ucraina, fedeltà alla Nato e non far esplodere il debito. Ma, così non vale!!

Lo scrive Tommaso Ciriaco su “La Repubblica” di oggi. Che senso ha tutto ciò? Spiega il giornalista: “Un compromesso per accreditarsi con l’Europa. Una capriola per sopravvivere a slogan bellicosi impossibili da rispettare. Poche ore dopo la fine della campagna elettorale, Giorgia Meloni archivia le carezze politiche a Orbán e la promessa di “spezzare le reni” all’asse franco-tedesco. E si affida a Mario Draghi. Al suo “ombrello” con le Cancellerie continentali. Secondo quanto riferiscono fonti diplomatiche di Parigi, ...

Continua a leggere →
0
Pagina 1 del 279 12345...»