Confusione mentale? Ecco le 5 cause e come vincerla…

Se soffri di confusione mentale e vuoi dire addio a questo disturbo in modo naturale, qui di seguito troverai le vere cause e una soluzione possibile in 5 passi per eliminarla definitivamente…

DI COSA STIAMO PARLANDO? 

DI MENTE ANNEBBIATA, 

POCA LUCIDITÀ MENTALE, 

DIFFICOLTÀ A CONCENTRARSI…

“Da alcuni mesi/anni a questa parte, mi sento sempre meno lucido mentalmente. Il mio cervello fa fatica a “carburare” al mattino, non riesco a concentrarmi come vorrei e tendo a rimandare le decisioni importanti. In altri termini, vivo con la mente cronicamente annebbiata”.

Ti rivedi, anche solo in parte, in queste parole?

Purtroppo si tratta di una serie di disturbi che rimangono quasi sempre “inascoltati” e ti viene fatta passare l’idea che non esiste soluzione se non cominciare a prendere degli antidepressivi. Spesso la confusione mentale è accompagnata da ansia, vertigini, difficoltà di concentrazione, perdita di memoria a breve termine. Ma questo non significa che sia solo un problema “nella tua testa” o che sia irreversibile. La buona notizia è che puoi liberartene in modo naturale con una soluzione in 5 passi scientificamente approvata. Richiede un minimo di impegno… ma i risultati sono straordinari. Per capire come superarla, devi prima di tutto sapere da cosa dipende: sono fondamentalmente 5 le cause che ti stanno provocando mancanza di lucidità e magari problemi di memoria, alcune di queste strettamente collegate fra loro:

Causa #1 – Stress cronico. Il livello di stress è determinato dal livello di un ormone nel sangue, il famoso cortisolo, che in condizioni naturali è alto la mattina poco prima di svegliarsi, per poi abbassarsi fino a raggiungere il punto minimo durante la notte al fine di conciliare il sonno. Se soffri di stress cronico, avrai livelli dell’ormone cortisolo nel sangue ballerini durante il giorno, spesso con alti livelli anche in alta serata. E’ stato dimostrato come l’eccesso di cortisolo uccide i neuroni e ne rallenta la formazione. Inoltre diminuisce l’efficacia della memoria a breve termine (sai di cosa parlo se tendi a dimenticare nomi di persone appena conosciute o cose che avresti dovuto fare entro 10 minuti). In definitiva, possiamo dire che lo stress ha un ruolo di primo piano nella comparsa di confusione mentale, problemi di memoria e scarsa capacità di concentrazione.

Causa #2 – Problemi di sonno. Se il tuo sonno non è di qualità, il cervello non funziona come dovrebbe il giorno successivo. Nel primo punto dicevo che lo stress cronico può portare ad avere alti livelli di cortisolo anche fino a sera. Il cortisolo, tra le altre cose, è anche l’ormone che più di tutti ci tiene svegli, perché inibisce la produzione di melatonina, l’ormone che concilia il sonno. Questo purtroppo è un pericolosissimo circolo vizioso, dal momento che la carenza di sonno provoca stress, il quale porta insonnia, che ti farà svegliare più stanco e stressato il giorno seguente e così via.Dormire male ha anche un’altra cattiva conseguenza: se la qualità del sonno si abbassa e non riesci a raggiungere gli stadi di sonno profondo, i ricordi della giornata non verranno correttamente scolpiti nella memoria a lungo termine.

Causa #3 – Disturbi intestinali. La mente e l’apparato digerente sono strettamente collegati. E’ ormai noto ai ricercatori che l’intestino è dotato di un “piccolo” sistema nervoso, chiamato Sistema Nervoso Enterico, che conta circa 100 milioni di cellule nervose (neuroni). E non è difficile da credere se pensi a come la pancia effettivamente entra in gioco nel gestire le emozioni, e a come una situazione di stress ti porta ad avere una lenta e cattiva digestione. In altre parole: intolleranze alimentari, sindrome dell’intestino irritabile, disordini nella flora batterica intestinale portano tutti a problemi di confusione mentale e deficit di concentrazione.

Causa #4 – Sedentarietà. Il professor Kerry J. Stewart ha affermato “L’esercizio fisico è stato pesantemente e costantemente collegato con un miglioramento dell’energia personale e una migliore qualità generale della vita. Le persone più attive hanno anche un più alto senso di autostima.” Ma la sedentarietà non significa solo mancanza di attività fisica. Se passi molto tempo seduto, questo è ancora più pericoloso per la tua salute e il tuo stato di forma fisica e mentale. Letteralmente, passare più ore in piedi e meno tempo seduti è un passo importante tanto quanto fare attività fisica, come sostiene il Dottor Joan Vernikos, medico della NASA, nel suo libro “Sitting kills, moving heals”.

Causa #5 – Mancanza dei giusti nutrienti. Il cervello è un organo e per funzionare bene ha bisogno della giusta quantità dei giusti nutrienti. Se questi non arrivano dall’alimentazione, i problemi possono andare dal “oggi non riesco a concentrarmi” ai danni neurologici irreversibilmente-annebbiata. Ma attenzione, questo non dipende solo dalla dieta. Se il tuo intestino è in cattive condizioni di salute, non sarà in grado di assorbire i nutrienti di cui hai bisogno, nemmeno se mangi i giusti alimenti ogni giorno.

Ora che hai presente le varie cause, puoi capire come i farmaci sono assolutamente inutili in questo senso. Alcuni medici nemmeno ti ascolterebbero e si limiterebbero a dire: è tutto nella tua testa! Prendi questi antidepressivi. Che ovviamente non farebbero altro che creare squilibri ormonali e attaccare l’equilibrio della tua flora intestinale… aggravando in pratica tutte le cause che hai appena letto. Stai sempre attento a queste semplificazioni nessun integratore o farmaco può “tappare i buchi” se le cause della tua stanchezza mentale hanno origini più profonde…

DÌ ADDIO ALLA CONFUSIONE MENTALE IN 5 PASSI

Passo 1 – Gestisci lo stress in modo efficace – Abbiamo detto che avere livelli ballerini di stress durante il giorno non è affatto un condizione naturale ed è l’indagato N°1 per i problemi di annebbiamento e confusione mentale. Oggi siamo esposti ad una moltitudine di agenti stressanti, a partire da quelli più banali (traffico, lavoro, discussioni con altre persone) a quelli più gravi (perdita di una persona cara, sovraccarico di responsabilità, problemi famigliari etc.) che si ripresentano continuamente in forma cronica, accumulandosi. Si tratta di un carico di stress per il quale il nostro organismo NON è stato progettato. Per far fronte a questo, l’unica soluzione è imparare l’arte della gestione dello stress. Semplificando, la gestione dello stress si compone di due punti: il controllo dell’agente stressante e l’equilibrio emozionale: 1) Controllo dell’agente stressante: per prima cosa devi essere in grado di limitare i danni “sul nascere”. Ricorda il punto fondamentale: lo stress non è qualcosa che viene dall’esterno, ma è la tua risposta a quell’agente esterno. Ovvero sei tu che hai il potere di decidere in che modo il tuo corpo e la tua mente reagiscono a una particolare situazione. Questo è motivo per cui alcune persone sono più stressate di altre, a parità di condizioni. e la tua fonte di stress è il lavoro ad esempio, una validissima soluzione è imparare a gestire meglio il tempo e organizzare quello che devi fare grazie a delle “to do list”. Un esempio di to do list molto basilare ma comunque efficace consiste nello scrivere, la sera, i 3 compiti principali da portare a termine nel giorno successivo. Il mio consiglio è di completare i primi due al mattino: in questo modo inizierai la giornata già focalizzato sulle cose importanti, senza cadere nelle distrazioni che in fin dei conti vanno ad alimentare la confusione e consumano energie mentali inutilmente. Ma nessuno è immune allo stress e tutti ne soffriamo costantemente una certa quantità, quindi diventa fondamentale il punto successivo… 2) Equilibrio emozionale: infine devi imparare a controllare lo stress, quello impossibile da evitare e che già ti senti addosso. Una delle tecniche che trovo più efficaci in questo senso è imparare (ci vuole un po’ di pratica, non è immediato) a mantenere la mente concentrata sul presente, eliminando le preoccupazioni. Inizialmente puoi farlo cercando di trovare piacere in ogni cosa che fai, guardandola da angolazioni diverse. A mano a mano ti verrà più naturale osservare quello che hai intorno piuttosto che prestare attenzione ai tuoi pensieri (che se ci fai caso, sono preoccupazioni per il futuro o altrettanto inutili rimuginazioni sul passato).

Passo 2 – Migliora il tuo sonno – Se impari a gestire lo stress, sicuramente la qualità del tuo sonno aumenterà notevolmente. Ma per avere una mente lucida e funzionante al 100% durante tutto l’arco della giornata, devi strutturare una notte di sonno perfetta. Ecco 3 consigli che puoi mettere in pratica per preparare il tuo organismo alla notte: Evita la luce del monitor del pc nell’ultima ora prima di andare a dormire: la luce blu viene percepita dagli occhi come molto simile a quella solare. Conseguenza: la secrezione di melatonina non raggiunge livelli sufficienti per prendere sonno facilmente (effetto simile alla caffeina). Leggi: sembra banale ma leggere svuota la mente dalle preoccupazioni e predispone il cervello al sonno. Usa una tecnica di respirazione: in piedi, o direttamente da sdraiato nel letto, prenditi 5 minuti per effettuare una rilassante respirazione diaframmatica. Per farlo inspira lentamente con l’addome, senza muovere spalle e torace, trattieni l’aria nei polmoni per due secondi e rilascia altrettanto lentamente. Queste azioni stimoleranno naturalmente la produzione dell’ormone melatonina, antagonista del cortisolo.

Passo 3 – Ristabilisci la tua salute intestinale – L’intestino è il centro della vitalità, e abbiamo visto come sia importante mantenerlo in forma anche per eliminare stanchezza e confusione mentale. Il primo fattore che può minare la tua salute intestinale sono le intolleranze alimentari: puoi ottenere grandi benefici a livello di salute fisica e mentale seguendo un’alimentazione senza lattosio e glutine per 2 settimane e valutare come ti senti al termine. Qui le alternative migliori: Alternative al latte vaccino: latte di cocco, di mandorla, di riso, di avena; Alternative al frumento: riso integrale, riso nero e rosso, grano saraceno, amaranto, quinoa.

Passo 4 – Muoviti nel modo giusto – limitare il tempo passato seduto è già un grande aiuto per la salute. Se vuoi ottenere benefici rapidi però, devi imparare a fare attività fisica nel modo giusto. Il momento migliore per fare movimento è al mattino appena svegli, prima di fare colazione. Ti consiglio di bere un grosso bicchiere d’acqua con limone o una tisana d’erbe appena sveglio, e cominciare a fare una serie di esercizi. Anche se ti hanno sempre ripetuto che la colazione è il pasto più importante della giornata e serve per “darti energia”, facendo attività dopo mangiato ti sentiresti molto più appesantito. Prova a muoverti a digiuno e ti renderai subito conto di quanta energia in più avrai a disposizione (provare per credere). La soluzione che più ti consiglio è quella di adottare una tua “routine mattutina”, ovvero una breve serie di semplici esercizi per una durata di 20 minuti, in modo che diventi un’abitudine a basso sforzo e facile da rispettare. Ad esempio potresti adottare 3 diverse routine, da usare ogni giorno a rotazione:

  1° Giorno: 20 minuti di squat + affondi;

                                                                2° Giorno 2: 20 minuti di camminata veloce;

                                                                                 3° Giorno 3: 20 minuti di salto con la corda.

Passo 5 – Arricchisci la tua dieta con i giusti nutrienti – Infine, anche in questo caso la dieta è fondamentale. Questi che elenco qui sotto sono dei nutrienti assolutamente fondamentali per la salute della mente, e la carenza di uno solo di essi può causare danni irreversibili e invecchiamento precoce delle cellule nervose: Colina – La Colina è uno dei nutrienti più importanti per la salute del cervello ed è stato dimostrato essere in grado di migliorare le prestazioni cognitive e la memoria, oltre a proteggere i neuroni dall’invecchiamento. Le fonti di Colina sono il fegato e il tuorlo d’uovo. Vitamina B12 – Trovi la vitamina B12 nei cibi animali: pesce, manzo, pollo, uova. Vitamina B6 – Le fonti di questa vitamina sono le verdure dal colore verde scuro come: spinaci, biete, asparagi, broccoli; patate e peperoni; carni. Omega 3 DHA – Gli omega 3 sono un nutriente fondamentale per il cervello, che ne richiede una forma particolare denominata “DHA”. Gli Omega 3 di questo tipo si trovano solo nel pesce come salmone, sgombro, merluzzo, trota e sardine, mentre sono assenti nelle fonti vegetali.

Concludendo: Seguendo queste indicazioni sarai in grado di aumentare nettamente il tuo grado di lucidità mentale, migliorare la tua memoria sia a breve sia a lungo termine e ovviamente eliminare definitivamente la confusione mentale…

Viene da se: che il Coaching con un Coach può essere il percorso giusto per aiutarti a recuperare definitivamente rispetto ai problemi di confusione mentale… lavorando sul controllo dello stress e la gestione delle emozioni…

Come sempre, mi farà piacere leggere i vostri commenti al post e vi risponderò molto volentieri appena riesco…

A presto

E’ sempre tempo di Coaching!”

se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure: prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.