Istat: dati statistici o che altro?

Oggi, su La Repubblica si leggeva a firma di Flavio Bini: un articolo così titolato: “Con 80 euro e quattordicesima ridotte le disuguaglianze”. E l’occhiello dello stesso sottolineava che: “Il report dell’Istat: le principali politiche redistributive nel periodo 2014-2016 hanno diminuito le disparità tra i redditi. Ridotto anche il rischio di povertà. Con l’intervento dello Stato avvantaggiati i più anziani, penalizzate le coppie giovani. E il bonus lanciato dal governo Renzi ha premiato soprattutto le famiglie con redditi medio-alti”. Contemporaneamente su IlFattoQuotidiano.it /Economia & Lobby/ Economia. L’edizione online del quotidiano di Travaglio. Chiara Brusini scriveva: “L’istituto di statistica ha diffuso il primo rapporto sulla riduzione della disuguaglianza. In cui certifica che “le principali politiche redistributive del periodo 2014-2016 hanno aumentato l’equità e ridotto il rischio di povertà”. Ma tra le misure cita anche l’aumento della quattordicesima per i pensionati, che deve ancora partire. E sorvola sul fatto che in passato l’effetto positivo era più ampio. Il report, poi, aggiunge che per i giovani fisco e welfare aumentano invece il rischio di povertà. Sempre sull’edizione online del IlFattoQuotidiano.it /Economia & Lobby/ Economia. La pagina aggiornata a tre ore fa sempre l’articolista Chiara Brusini scriveva: “Disuguaglianze, la versione dell’Istat: “Il rapporto? Esercizi, non dati statistici. E non è un giudizio sul governo Renzi”. Riportando alcune precisazioni di merito di Roberto Monducci, direttore del dipartimento per la produzione statistica dell’istituto, che spiega come il report sulla redistribuzione del reddito si basa su un “modello zeppo di ipotesi tecniche”. E fornisce solo delle simulazioni. “Se poi i dati vengono letti come bilancio sull’attività di un governo, questa è un’interpretazione”. L’inserimento tra le misure considerate della “nuova quattordicesima”, che deve ancora partire? Dice ancora Roberto Monducci: “Entro domani mattina potremmo scorporarla”. Per comprendere esattamente di che si tratta… incuriosito da quanto letto ho rintracciato l’intera intervista fatta dalla citata articolista all’altrettanto citato direttore del dipartimento di produzione statistica dell’Istat. Eccolo: “Sono esercizi che vanno interpretati… Capisco l’attenzione ai decimali e ai dettagli, ma si tratta di un modello di microsimulazione zeppo di ipotesi tecniche. Un modello, non una statistica ex post”. Così Roberto Monducci, spiega i contenuti del rapporto sulla redistribuzione del reddito in Italia. Un rapporto che si concentra sulle politiche messe in campo dal governo Renzi e, grazie all’omissione di confronti poco lusinghieri e alla retrodatazione degli effetti di una misura non ancora entrata in vigore, certifica il loro effetto positivo nel ridurre le disuguaglianze di reddito. Domanda: “Come mai il rapporto non fa un confronto con il passato, da cui emergerebbe che negli anni scorsi l’impatto delle politiche pubbliche sulla disuguaglianza è stato superiore rispetto a quanto avvenuto nel 2016?” Risposta. “Questa è la prima uscita di un report ad hoc sulla redistribuzione. Il confronto lo faremo nei prossimi anni, partendo da questo benchmark faremo un monitoraggio costante quando l’impianto sarà stabilizzato”. Domanda. “L’istituto ha stimato l’impatto delle “principali politiche redistributive del periodo 2014-2016”: bonus di 80 euro, Sostegno di inclusione attiva e aumento della quattordicesima per i pensionati.   L’impressione è che sia una valutazione sul governo Renzi”. Risposta. “No, Istat non fa valutazioni sui governi e sull’efficacia delle loro politiche. Abbiamo semplicemente scelto i provvedimenti recenti di maggiore impatto, riportando alcune analisi preparate in passato in occasione di audizioni parlamentari. Se poi i dati vengono letti come bilancio sull’attività di un governo, questa è un’interpretazione”. D. “L’aumento della quattordicesima per i pensionati, però, sarà operativo solo da luglio. Come mai è compreso tra le misure di cui stimate gli effetti sulla disuguaglianza nel 2016?” R. “Questo rientra nell’attività di stima, è un esercizio teorico… facciamo vedere l’impatto di un complesso di provvedimenti anticipandone l’effetto. Abbiamo ritenuto utile presentare l’impatto sui redditi 2016, già disponibili. Si tratta proprio di simulazioni, non di informazione statistica”. D. “Ma nel primo paragrafo del rapporto si legge che nel 2016, grazie all’intervento pubblico, l’indice di Gini è sceso a 30,1 punti. E le vostre tabelle mostrano che al netto di bonus 80 euro, sostegno di inclusione attiva e “nuova quattordicesima” si sarebbe attestato a 30,4. Quindi quell’effetto viene incorporato nei dati. Senza specificare quanta parte viene attribuita alla quattordicesima?” R. “Si tratta di esercizi, di un modello zeppo di ipotesi che stiamo sfruttando anche a fini informativi. Ma non è contabilità nazionale, non è una statistica. Lo riteniamo interessante anche per restituire un quadro informativo, anche in alcuni altri Paesi come la Francia lo fanno… però va preso per quello che è. Quanto all’effetto della quattordicesima, questa è una sollecitazione utile. Possiamo scorporarlo, non escludo che possiamo farlo a breve e rilanciare il documento con questo contenuto”. Ma alla fine… qual è o era l’obiettivo dell’Istat? Quello vero suffragato dal compito istituzionale dell’Istituto di statistica appunto… divulgare statistiche sulla situazione delle disuguaglianze in Italia o che altro?! Francamente io non l’ho capito… e voi?

“E’ sempre tempo di Coaching!”

Se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.