Ma il Coaching serve?

Quali sono gli esiti del Coaching?
Già nei primi anni 2000 il Financial Time pubblicò i risultati di uno studio dell’International Personnel Management Association, che dimostrava come la produttività del personale con la sola formazione migliorava di circa il 22%, mentre con il Coaching il miglioramento raggiungeva l’88%.
Capitata e anche più di una volta che alcuni clienti, restino increduli di fronte ai loro stessi risultati, e si domandino se nel Coaching esiste e venga usata la “bacchetta magica”.
Di Coaching, si è cominciato a sentir parlare intorno agli anni ’50 negli Stati Uniti, si è affermato nel mondo anglosassone negli anni ’80 e successivamente si è diffuso in vari paese europei, fino a casa nostra nel corso dell’ultimo decennio. In realtà questo metodo così potente ed efficace ha radici molto più antiche…
Socrate invitava a “Conoscere se stessi”; Pindaro era solito salutare i suoi discepoli dicendo: “Diventa ciò che sei”; Parmenide sosteneva che tutto è possibile, “Basta trovare il coraggio di percorrere la via” ed Eraclito affermava: “L’unica cosa permanente è il cambiamento”.
Si, per Eraclito il filosofo del “divenire”, l’unica cosa certa è il cambiamento… e se cambiare significa trasformarsi crescere, evolvere, prevenire, innovare, riconoscere limiti e cogliere opportunità… è altrettanto vero che il cambiamento consapevole avviene sulle ali della conoscenza.
Impariamo dalla nostra esperienza, dai nostri errori, ma è soprattutto dalla nostra capacità di apprendere e di assimilare, che la nostra mente entra in contatto con la sapienza collettiva e trova gli spunti per realizzare le nostre più autentiche potenzialità.
Nel Coaching il presupposto è la conoscenza e la consapevolezza di sé, delle proprie risorse e delle aree migliorabili.
Dove c’è la ghianda, il Coach vede la quercia, ha piena fiducia nello sviluppo delle potenzialità delle persone e nella capacità che ciascuno ha di trovare in sé le risposte giuste ai propri problemi.
Si tratta di focalizzare mete specifiche per trovare le strategie più adeguate.
Occorre saper gestire convinzioni e atteggiamenti limitanti per affrontare al meglio il nuovo, agire per trasformare la paura del cambiamento in una energia tesa allo sviluppo e alla realizzazione della persona.
Serve …seguire un semplice precetto che dice: “La vita che vuoi, è la sola che avrai”.

E’ tempo di Coaching!

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.