Sempre più Managers sono: “psicopatici”

Una ricerca della Bond University: “Un amministratore

di una azienda su cinque è psicopatico…”

 

Quando si sentono insieme le parole «dirigente» e «psicopatico» non si può fare a meno di pensare al film American Psycho: uno yuppie in carriera nella Wall Street degli anni Ottanta che era in realtà un feroce assassino.  patrick_bateman_

Ma pare che non sia necessario scomodare Christian Bale e la sua interpretazione cinematografica per rendersi conto di un fenomeno che è tutt’altro che finzione: una ricerca dello psicologo forense Nathan Brooks riportata dal The Independent è arrivata alla conclusione che su cinque Ceo di aziende corporate, uno ha degli evidenti tratti psicopatici. Come ogni ricerca è da prendere con le dovute cautele, ma in alcuni tratti pare davvero verosimile.

Tradotto in maniera meno terrificante: scarsa attitudine all’empatia, superficialità, egocentrismo e tendenza alla menzogna sono le caratteristiche principali degli amministratori delegati secondo il ricercatore della Bond University. Un 21 per cento dei 261 professionisti presi in considerazione lo dimostra. psicopatici-al-potere

Il dato che allarma è che la percentuale registrata è paragonabile a quella riscontrata nelle carceri. Insomma, tra i capi di azienda il disagio mentale sarebbe diffuso nella stessa misura in cui si manifesta tra i carcerati. La media nella società non supera il 4 per cento. Secondo il dottor Brooks il motivo di questo fenomeno sarebbe da cercare nelle metodologie di selezione dei dirigenti che spesso non tengono conto della personalità dei soggetti, ma si soffermano solo sulle competenze lavorative.

A confermare questa ipotesi anche gli altri due ricercatori che hanno partecipato allo studio, Katarina Fritzon della Bond University and Simon Croom dell’università di San Diego. I risultati dell’indagine sono stati presentati al congresso annuale dell’Australian Psychological Society a Melbourne.

A ben pensarci forse è anche il ruolo a determinare una selezione naturale delle tipologie di individui: negli affari per avere successo sembra inevitabile avere determinate caratteristiche caratteriali: Di solito gli psicopatici tendono ad essere affascinanti e appariscenti.

Questo permette loro di ottenere successo nel breve periodo, salvo poi rimediare dei fallimenti più in avanti», ha detto al sito australiano News.eu il ricercatore dell’università Atkanta’s Emory, Scott Lilienfeld. Le conseguenze di questo disturbo sono diverse e vanno dalle difficoltà a relazionarsi con colleghi e sottoposti, a una scarsa capacità di gestire le reazioni istintive. In alcuni casi questi comportamenti possono sfociare anche in atteggiamenti violenti.

Pare comunque che quella dei dirigenti di azienda non sia l’unica categoria a rischio. Ci sono altre professioni che sono più esposte alla concentrazione di tratti psicopatici. L’Independent ha stilato una classifica: dopo i ceo, sono gli avvocati e le persone che lavorano nei mezzi di informazione come tv e radio a manifestare maggiormente queste tendenze.

Ecco le 10 professioni con più psicopatici: 1. CEO 2. Avvocato 3. Media 4. Commesso 5. Chirurgo 6. Giornalista 7. Agente di polizia 8. Ministro del clero 9. Chef 10. Impiegato statale.

Red arrow of a compass pointing to Management concept (3D Rendering)

Questa speciale top ten dimostra che non sono solo coloro che svolgono lavori di responsabilità ad essere più esposti. Al quarto posto si posiziona il lavoro del commesso e a chiudere la classifica ci sono gli impiegati statali che testimoniano così che davvero nessuno è immune al problema.

E’ sempre tempo di Coaching!

 se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure: prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.