La via italiana al welfare: non si percorre senza contratti…

Quale dovrebbe essere la missione di uno Stato e dell’esecutivo che lo governa?
Trovare la via al proprio welfare.
Questa deve essere la missione di uno Stato e di una democrazia finalmente matura, riuscire cioè a fornire alla propria popolazione tutta una serie di strumenti che ne sostengano la necessaria sussistenza nelle eventualità critiche.
In Italia finora, abbiamo rimandato troppo lungamente una ristrutturazione complessiva del nostro sistema del welfare e di relazioni industriali e contrattuali, in primo luogo delegando alla volontarietà dei datori di lavoro tutto quel può essere ricondotto al welfare aziendale.
Senza dubbio una visione eccessivamente paternalistica ci ha relegato agli ultimi posti in Europa nel sostegno ai lavoratori.welfare
Puntare sul welfare nella sua declinazione più locale e imprenditoriale, infatti, non è solo una via di compensazione o di «dono» che l’azienda (solitamente la grande realtà imprenditoriale) intraprende per migliorare la propria immagine: piuttosto si costituisce come un punto fondamentale del processo di motivazione personale del dipendente, aumentando al contempo le condizioni e il clima aziendale.
«Le conseguenze di una maggiore attenzione nei con-fronti del lavoratore comporta in primo luogo una maggiore produttività, migliorate condizioni generali in azienda e relativo calo dell’assenteismo.
La necessità è nei tempi che viviamo, ci pare piuttosto condivisibile, che si comprenda quanto il welfare possa valere come vero e proprio investimento e non come una semplice messa in salvaguardia dai rischi possibili: In un periodo di profondo stress economico non possiamo sottovalutare quanto ciò possa giovare anche nel migliorare le condizioni generali di efficienza dell’impresa, con ovvie ricadute sul benessere pubblico.
Cominciano a circolare insistentemente le intenzioni del neoministro Calenda, che vogliono puntare a un ulteriore intervento correttivo riguardo il salario del lavoratore, e in particolare alla gestione dei premi di produttività, ma reputiamo che ciò non sia la via migliore. Come si ricorderà l’ultima legge di Stabilità, quella per il 2016, ha reintrodotto la tassazione agevolata dei premi di risultato e di tutte quelle somme riconducibili alla partecipazione agli utili, sancendo l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (regionale e comunale), consistente nel 10% per quanto riguarda i premi di risultato connessi ad aumenti di produttività, redditività, qualità efficienza e innovazione (condizioni verificabili e misurabili mediante appositi criteri ministeriali); beneficio spettante purché non vengano superati i 2 mila euro di premi e il dipendente non percepisca più di 50 mila euro.
Allo stesso tempo, con quella che andava sotto il nome di Finanziaria, si è proceduto in una nuova definizione delle erogazioni partenti dal datore di lavoro e che possono essere compresi nel cosiddetto welfare aziendale.

Va ricordato, inoltre, che i benefici erogati a vantaggio del lavoratore dipendente (rigorosamente solo per quelli del comparto privato) non entrano a far parte del reddito di lavoro e semmai il lavoratore decidesse di trasformare i premi di risultato agevolato in benefit propri del welfare aziendale potrebbe ottenere una detassazione completa evitando anche l’imposta sostitutiva del 10%, ora si paventano ulteriori correttivi che non solo rendano strutturale la detassazione (seppur aumentandola dal 10 al 12,5%, ndr), ma soprattutto che eliminino il tetto dei 2 mila euro annui di premi e la natura vincolante dell’accordo sindacale. E nell’aria l’ipotesi di un intervento concreto nella direzione di un ridimensionamento del peso del contratto nazionale. Evento quanto mai inopportuno giacché proprio in questo periodo stiamo assistendo a una fase di clamoroso stallo nelle dinamiche di rinnovo in molti settori lavorativi.contratto1

Il blocco della contrattazione è uno dei motivi che fa mancare innovazione, investimenti e sviluppo. E proprio questo stucchevole periodo di impasse che ci suggerisce che forse la priorità, di una riforma radicale, non sia tanto da orientarsi verso la detassazione dei premi, cosa, ricordiamo, comunque benvenuta, ma, piuttosto, nei confronti del sistema stesso dei rinnovi contrattuali e, a cascata, di quello delle retribuzioni. «Così, a fianco di una maggiore attenzione nel trattamento dei premi, riteniamo opportuno che si intervenga in maniera decisa anche sui rinnovi contrattuali e il loro sblocco… come sulla stessa tassazione. QUESTA la nostra posizione perché: è sempre più chiaro che quanto fatto finora dal Governo, non ha apportato alcun reale incremento per quel che riguarda, il parametro relativo ai consumi interni che continuano ad essere depressi. E con una situazione economica ancora stagnante, dobbiamo pensare in maniera maggiormente dinamica: è il mondo del lavoro che ce lo impone.

Ecco quindi evidenziarsi la necessità dei rinnovi dei contratti. intervista_nicolaturco_070716

Certo mettendo attenzione ad una opzione per una decisa virata verso la gestione del salario a livello aziendale, permettendo che siano i rapporti interni alle azienda stessa a determinare le migliori condizioni salariali per i lavoratori», solo così sarà possibile esercitare quella sferzata che la nostra languida economia esige.

Ma ora praticamente con un blocco generale di ogni livello di contrattazione e un welfare in netto dimagrimento… la situazione economica e sociale del nostro Paese può solo ulteriormente peggiorare.

E’ sempre tempo di Coaching!

se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure: prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.