Aiuto, mio marito va in pensione!

 

“Da quando è a casa ce l’ho sempre tra i piedi: mette il naso persino dentro le pentole”.

“Adesso che non ha problemi di turni e di piani ferie, finalmente riusciremo

a fare dei viaggi che abbiamo progettato da tanto”. 

“Oggi sono andata al corso di inglese, poi ripasso insieme a mio marito”. 

“Speravo che potessimo passare più tempo insieme e invece è sempre via con gli amici: quasi quasi così …era meglio quando andava a lavorare”.

Andare in pensione è come una nuova partenza, equivale ad aprire una pagina bianca e iniziare a scriverci sopra. Per tante coppie il distacco di uno dei due, o di entrambi, dal mondo del lavoro segna l’inizio di una nuova fase carica di aspettative, che però può anche rivelarsi faticosa e disseminata di ostacoli.
Non a caso in Giappone dall’inizio degli anni novanta si studia una particolare malattia, che colpisce soprattutto le donne sposate da molti anni: si chiama Retired Husband Syndrom, la sindrome da marito in pensione, che comporta sintomi simili alla depressione e che spesso culmina in pesanti crisi coniugali.
Un fenomeno che in Italia non raggiunge le dimensioni giapponesi, ma che comunque merita attenzione, se non altro per la gran quantità di persone coinvolte: i pensionati oggi sono circa 12 milioni e il loro numero è destinato a crescere seppur più lentamente che in passato.
Che fare quando dall’oggi al domani dall’ufficio o dalla fabbrica si passa alle mura domestiche e la rigidità degli orari lascia spazio al tempo libero tutto da inventare?
Che la pensione non sia un passaggio facile per la vita di una coppia lo pensano in molti, molti psicologi e psicoterapeuti sostengono che: “E’ per questo che ci si deve preparare per tempo”. In molti dicono: “Ho conosciuto tante coppie, il cui equilibrio, raggiunto dopo anni di vita in comune, si è rotto in un attimo con il pensionamento di uno dei due, quasi sempre il marito. In certe case si creano conflitti e tensioni tali da portare alla rottura della coppia e alla separazione anche in età avanzata”.
Casi isolati, ma molto più diffuso è il malessere da un lato dell’uomo, che si trova a gestire una libertà apparentemente infinita, e dall’altro dalla moglie, che vede invece comprimersi gli spazi e i tempi a sua disposizione.
Che fare? Va cercato un equilibrio flessibile!
Il segreto se così si può dire, è non arrivare all’appuntamento con la pensione sprovvisti di “mezzi” per affrontarla.
Per prepararsi per tempo è necessario “imparare a lasciare”, “Per affrontare serenamente questo momento… aggiunge un noto psicologo: è fondamentale che la coppia sia in grado di modificarsi; il suo è, infatti, un equilibrio in evoluzione che richiede flessibilità a entrambi i partner”.
In particolare, ancora una volta soprattutto per l’uomo, è necessario “educarsi al cambiamento, non irrigidendosi entro schemi cristallizzati. Per molti, la pensione coincide con una perdita di ruolo. Soprattutto se si è stati dirigenti o comunque capi, smettere di lavorare mette a dura prova la salute psicologica ed emotiva. Di colpo non ci sono più riunioni, progetti, ordini da impartire e questo può essere anche fonte di grave stress”.
Occorre …entrare nella logica del dono.
In questo caso, è il consiglio dell’esperto: “bisogna uscire dalla “logica mercantile”, che misura il valore di una persona sulla base dei risultati che consegue, per entrare nella logica del “dono”.
In questa fase, si può recuperare il piacere di darsi del tempo, dedicandosi, come già suggeriva Platone, alle “cose di maggior valore”, godendo maggiormente della presenza dell’altro. La pensione regala più tempo per le tante parole non dette e per i molti gesti non compiuti.
La vita di copia è, insomma, un laboratorio costante, dove c’è sempre tanto da fare.
L’importante è, saper “regolare le distanze”.
Il pensionamento può diventare il “cavallo di Troia” che entra nella cittadella segreta del legame di copia. Fa cioè scoppiare desideri, fantasie e aspettative che, se non soddisfatti, possono aprire crisi anche gravi.
Qui entra in gioco, appunto, la “regolazione delle distanze”, prassi che dovrebbe consolidarsi durante l’intero arco di vita della copia.
Ci sono momenti che richiedono distanze ravvicinate e altri che, invece, hanno bisogno di spazi più larghi. Questo diventa ancor più importante nell’età del pensionamento, quando la coppia deve reinventarsi il rapporto, non dando nulla per scontato e acquisito una volta per sempre.
Questa è anche la fase del “nido vuoto”, quando i figli lasciano la casa paterna che così si scopre improvvisamente troppo grande per i due anziani genitori.
La coppia, può sentirsi scoperta e vulnerabile e, senza più figli da accudire e con nipoti che sempre di più tardano ad arrivare, è come se non avesse più niente da fare e più nulla da dire. Invece, il nido non deve essere vuoto, ma riempito di nuove possibilità, di ciò che si è desiderato ma che non è mai riusciti a realizzare.
Lo hanno capito meglio le donne… che, dopo essere andate in pensione, si sono buttate in molteplici attività di volontariato (lavoretti per le missioni, assistenza a persone sole, collaborazione con gli uffici caritàs e immigrazione, accoglienza ai bisognosi di qualsiasi estradizione e cultura, ecc…), riuscendo , in qualche caso, a coinvolgere i mariti.
Contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, “fare cose insieme” è meno importante che “condividere con il partner i frutti di queste attività”, riportando a casa ciò che di buono e positivo si è vissuto.
Così, la coppia diventa una squadra.
Essere felici aiutando gli altri (per aiutare anche un po’ se stessi) è il consiglio di Franco Voli, italiano ma da anni residente in Spagna, che su questi argomenti ha scritto un saggio significativamente intitolato “Da oggi in pensione! Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare”.
La tesi di fondo di questo lavoro è che la coppia deve diventare una squadra per raggiungere un benessere condiviso da entrambi.
“Insieme, scrive Voli, abbiamo la possibilità di trasformare la nostra coppia in una squadra che si impegna a rafforzare il dialogo, la comunicazione, l’ascolto, la tolleranza, la comprensione e tutti gli altri valori fondamentali della convivenza. Agendo come una squadra, possiamo cercare di superare insieme le insoddisfazioni e i malintesi che finora hanno ostacolato il nostro modo di rapportarci ai diversi contesti con cui ci relazioniamo”.
La pensione va quindi vissuta come “un’opportunità”, evitando il “vittimismo” e senza ripensare troppo “ai bei tempi andati”.
“Creare un ambiente favorevole, scrive ancora Franco Voli, è il primo lavoro da fare all’interno della coppia. Dare più spazio al dialogo attraverso relazioni più efficaci, farsi più spesso i complimenti, ascoltare e mostrare affetto e sostegno, sono tutte azioni positive. In fondo, stiamo parlando della persona con cui abbiamo deciso di vivere e invecchiare”.

E’ tempo di coaching!

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.