“Bassa crescita e disuguaglianze: così la globalizzazione è entrata in crisi”

L’economista Stephen D. King, è l’autore di “Il Mondo nuovo – La fine della globalizzazione e il ritorno della storia” – Ed. De Angeli – novembre 2017. Un saggio sul tramonto del mito dell’infallibilità dell’economia globalizzata. King è’ anche Consulente economico di Hsbc (gruppo Bancario). Il titolo sembrerebbe dire tutto!  Ma l’autore… alla fine scrive: “che il futuro non è definitivamente già scritto…” Comunque il libro contiene… sollecitazioni per  nuove riflessioni sulla globalizzazione ponendo precise domande: Perché la globalizzazione, oggi, viene rifiutata? Che aspetto avrà un mondo dominato da Stati rivali con obiettivi in conflitto? L’attuazione di politiche nazionaliste si trasformerà in una corsa verso il baratro? Stephen D. King, con questo libro dal tono provocatorio tenta di rispondere a queste e ad altre domande per capire che cosa significherà la fine della globalizzazione per il benessere, la pace e l’ordine economico globale.  La globalizzazione, a lungo considerata la via maestra per il benessere economico, non è inevitabile. La strategia eretta sui principi del libero scambio e, a partire dagli anni Ottanta, del libero mercato dei capitali, sta cominciando a mostrare molte crepe. Nel mondo occidentale la crescita economica resta insoddisfacente e diversi Paesi non sono più disposti a sacrificare gli interessi nazionali alla crescita globale. Né i loro leader sembrano essere capaci o desiderosi, di convincere i propri cittadini a lavorare a un’agenda per il benessere globale. Riaffiorano narrazioni politiche fatte di “noi” e di “loro” e si assiste allo sgradito ritorno di isolazionismo e protezionismo. Unendo l’analisi storica all’osservazione dell’attualità, fino alla Brexit e alla vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane del 2016, King arriva ad affermare che il rifiuto della globalizzazione e il ritorno all’ “autarchia” aumenteranno il rischio di conflitti economici e politici e usa le lezioni della storia per capire come scongiurare gli esiti più infausti. Siamo sempre stati abituati a pensare alla globalizzazione come a un fenomeno irreversibile. Il suo libro suggerisce il contrario. Che cosa dobbiamo quindi attenderci esattamente dal futuro: la fine della globalizzazione o la fine di “questa” globalizzazione? “La storia del mondo lascia intendere che la globalizzazione possa avere alti e bassi. Certamente è facile sostenere che il testimone della globalizzazione stia semplicemente passando dagli Stati Uniti alla Cina, ma in realtà, non è così semplice”. Perché? “L’Occidente è nei guai in parte perché negli anni passati a causa della frenata della crescita e dell’aumento delle disuguaglianze per molto cittadini si è rotta la luna di miele con la globalizzazione. Molti paesi dubitano comunque delle reali intenzioni della Cina e non si trovano a proprio agio con una leadership non occidentale e che non sia portatrice dei valori liberal democratici. In conclusione: potrebbe delinearsi una competizione per la leadership globale, ma è più facile che questo porti più che altro a rivalità a livello regionale”.

La Cina è l’unico Paese che può prendere il testimone degli Usa come guida della globalizzazione? “No, e lo vediamo ad esempio dal tentativo delle altre nazioni di andare avanti con il TPP. Anche se è difficile escludere che la Cina sia la nuova superpotenza in grado di contendere agli Usa la leadership mondiale. La sua forza di gravità è forte e cresce anno dopo anno. Sta creando nuove istituzioni per difendere i propri interessi, come il Partenariato Economico Regionale Globale, la Banca asiatica di investimento per le infrastrutture o l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai.  È sempre più aggressiva nel Mar cinese meridionale e attraverso la strategie Belt and Road sta proponendo uno scenario di vantaggi economici sotto una leadership cinese. Stiamo andando verso un mondo in cui si fronteggiano diverse versioni della globalizzazione”. Lasciando da parte un attimo il libro  King aggiunge: “Un po’ a sorpresa, Davos ha riservato un’accoglienza positiva a Trump”. Cosa vuol dire – si chiede – che forse le elite si sono già riconciliate con il presidente Usa?  Si risponde:   “Più esattamente, la partecipazione di Trump a Davos è stata in parte pensata proprio per dimostrare che la politica dell’”America First” non era in nessun modo incompatibile con un’economia globale integrata. Come ha spiegato lo stesso presidente ‘America First non significa America alone’ (sola). Non vedendo altresì  l’ora, di sottolineare che se corre l’economia Usa è un bene per il mondo intero”. Ma, va sicuramente notato, che questo approccio ha alcune criticità. Quali?  “Trump, prima di tutto vuole impostare relazioni bilaterali con i Paesi sul commercio e sulle dispute legate alla proprietà intellettuale, minando così le istituzioni che governano le regole del gioco internazionali. Se anche tutti gli altri si comportassero così, queste stesse regole sarebbero presto rimpiazzate dal caos. Inoltre l’economia Usa è molto più piccola di un tempo, pensare di legare il destino delle economia mondiali a quella degli Usa potrebbe semplicemente portare gli altri Stati a formare i propri accordi interazionali senza gli Stati Uniti. Inoltre, il presidente Usa di recente ha introdotto dazi su alcune categorie di prodotti.” Come pensa che potrà rispondere l’Europa a questa accelerazione protezionistica?  

King osserva: “Le regole contano. Uno dei maggiori successi Europei nel secondo dopoguerra è stato un sistema di regole condivise che ha portato i Paesi a convivere in pace. Mentre, il protezionismo rischia troppo spesso di portare a ritorsioni, in un gioco che non è a somma zero. Anche se il tema centrale non sono tanto i dazi americani, ma piuttosto quanto le istituzioni della globalizzazione siano perennemente messe in discussione dai sentimenti nazionali. Tutti i Paesi possono finirne vittima, con il rischio di una corsa verso il basso sul piano economico”. Infatti tutti sappiamo che: Il presidente della Bce Draghi ha messo in guardia sulle turbolenze legate all’andamento delle valute. E alla domanda: Siamo quindi alla vigilia di una nuova guerra valutaria? King risponde: “Non credo che le guerre valutarie siano mai finite. In un mondo in cui gli stimoli monetari funzionano spesso attraverso i tassi di cambio, è abbastanza ovvio che le banche centrali abbiano cercato di ottenere un vantaggio. C’è di buono che al momento l’economia mondiale attraversa una fase di crescita diffusa e questo in teoria dovrebbe ridurre la necessità di ricorrere a svalutazioni competitive. La storia però in questo caso ci torna utile”. Perché? “Tutte le volte in cui gli Stati Uniti hanno abbandonato la retorica del dollaro forte  sono sempre state associate a sconvolgimenti finanziari: la fine dei tassi di Bretton Woods nei primi anni ’70 e il crollo della Borsa nel 1987”. King  sostiene che le istituzioni sovranazionali stiano perdendo forza. Mentre in Germania, Francia e molto probabilmente anche in Italia, solo forze chiaramente pro europeiste sembrerebbero essere in grado di formare un governo. Paesi che ricevono un mandato elettorale forte ma diametralmente opposto, come la Grecia, poi finiscono comunque per dovere sottostare a regole sovranazionali. Allora se la globalizzazione è in crisi, la democrazia è in una crisi  ancora più profonda?  “Non c’è dubbio che i Paesi europei dovrebbero sperare di non essere mai trattati come hanno trattato la Grecia. Ma questo ha a che fare con come storicamente la nazioni creditrici trattano quelle debitrici. Le difficoltà di oggi penso abbiano a che fare con il fatto che non tutti i Paesi negli ultimi anni hanno sperimentato un netto miglioramento delle proprie condizioni di vita. Stiamo assistendo a un sempre più frequente scaricabarile nazionalista in cui si cerca di dare la colpa delle proprie difficoltà interna a influenze esterne. Potrebbe sembrare un segno di democrazia, ma di fatto minaccia di mettere in discussione un forte consenso globalista costruito dopo la seconda guerra mondiale”. King è molto critico nei confronti dell’euro nel suo libro. E l’euro sta diventando sempre di più un carburante che alimenta i populismi.  La domanda: Come pensa che debba essere riformato per restituire fiducia nel progetto europeo? “È un tema da maneggiare con cura, non vorrei passare per il solito euroscettico anglosassone. Molte unioni monetarie hanno successo perché i cittadini dei vari Paesi riconoscono in qualche modo che  sono politicamente ed economicamente dipendenti gli uni dagli altri”. Quindi cosa bisognerebbe fare? “Primo, creare un ministero unico delle Finanze per l’Eurozona e un sistema fiscale federale. Secondo, creare un autorità di arbitrato per disciplinare le crisi legate alla bilancia dei pagamenti. Nel mio libro propongo di chiamarla Organizzazione Globale dei Flussi finanziari”. Il ragionamento porta alla considerazione che la crisi della globalizzazione, il risorgere degli interessi nazionali, la crisi delle rappresentanze internazionali e delle loro aggregazioni economiche, assieme all’immobilismo dell’integrazione politica dell’Europa, vincolata sola dall’uso di una moneta tra l’altro non utilizzata da tutti i 28 (oggi 27 dopo la Brexit), possa anche nel “vecchio continente” riportare in campo rischi per la Pace… non lo si ricorda e dice mai chiaramente …ma, i conflitti economici e le identità nazionalistiche, sono state le componenti del combustibile che ha acceso nel secolo scorso ben due conflitti armati in Europa che poi sono diventati conflitti mondiali!

E’ sempre tempo di Coaching!”

Se hai domande o riflessioni da  fare ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuito

0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.