La via del guerriero…

Ognuno di noi combatte le proprie personali battaglie.  Per vincerle dobbiamo seguire la via del guerriero.

“Non può essere sconfitto chi continua a combattere”

(Napoleon Hill)

Appena estratto, il ferro presenta numerose impurità che lo rendono fragile. Solo attraverso la forgiatura esso diviene acciaio indistruttibile. Come il ferro, l’uomo è indebolito dalle paure e dalle tentazioni, e solo le battaglie che decide di combattere possono forgiarlo e trasformarlo in un guerriero. sbozzo L’articolo di oggi è dedicato alla tua dose settimanale di motivazione. Scegli: puoi, far finta di niente, continuando a percorrere il sentiero battuto da molti o continuare a leggere ed imboccare la via del guerriero. Il guerriero moderno. Ogni epoca ha avuto i suoi guerrieri: gli Spartani nell’antica Grecia, i Cavalieri nel medioevo, i Samurai nel Giappone imperiale. La figura del guerriero è da sempre presente nella storia e nella cultura dell’uomo e non è un caso che proprio il guerriero sia uno dei 4 archetipi chiave (Guerriero, Amante, Mago e Re)  dell’essere umano adulto. Violenza, guerra, distruzione: i media moderni ci hanno insegnato ad associare la figura del guerriero a queste immagini negative. Inutile negarlo, lo scontro è insito nel DNA di questo archetipo, ma le arti marziali ci insegnano a focalizzarci su ben altre qualità. Non sarà dunque un’arma o la violenza gratuita a far di noi dei veri combattenti. Se volete percorrere la via del guerriero dovete seguire tre principi fondamentali:

1. Affronta il nemico: “Molti nemici, molto onore” (Giulio Cesare). affronta-il-nemico
Nel 52 a.C., nel corso della battaglia di Alesia, Giulio Cesare si trovò ad affrontare, con le sue 10 legioni, gli 80.000 Galli guidati da Vercingetorige. Fu proprio nell’ambito di questa storica battaglia che gli fu attribuita la famosa frase “Molti nemici, molto onore“. Queste parole vengono spesso travisate: la verità è che non c’è onore nell’essere odiati da molti, l’onore risiede nella capacità di non voltare le spalle al nemico, nemmeno quando questo ci supera in numero o ci pone di fronte a sfide che riteniamo impossibili. Affrontare il nemico, senza esitazioni, è dunque il primo principio che deve essere rispettato da chi vuole imboccare la via del guerriero. Ma il nemico non è il collega, l’avversario o qualsiasi altro essere umano. I veri nemici sono altri, sono molto più subdoli e si insinuano tra i meandri della nostra mente: paura, insicurezza, procrastinazione. Sono questi i veri demoni che devono essere sconfitti da un guerriero moderno. Se la tua vita è deragliata, se senti il bisogno di ricominciare, di premere quel pulsantone rosso con la scritta “reset”, raggruppa le tue energie residue attorno ad un nemico comune, il tuo nemico: non spetta a me indicartelo, sono certo che tu sappia fin troppo bene quale sia il demone che si cela dietro le tue sconfitte. Ricorda però, smettila di cercare nemici là fuori: ogni battaglia è vinta nel momento in cui sconfiggiamo i nostri demoni interiori. Individua il tuo nemico. Sfidalo a viso aperto (niente scuse). Affronta la battaglia come se fosse l’ultima: non esitare, non trattenerti, dai fino all’ultimo grammo di energia che hai in corpo.

2. Sposa la causa: “Ho scoperto che la via del samurai è la morte: è necessario prepararsi alla morte giorno dopo giorno”  (Y. Tsunetomo). buschidoIl Bushido (“la via del guerriero”) era ciò che governava la vita di un samurai: i suoi precetti chiave riguardavano l’accettazione della morte e l’obbedienza cieca al proprio Signore (il Daimyo). I samurai che venivano sfiduciati dal proprio Signore o che ne rimanevano privi a causa della morte, erano considerati decaduti e prendevano il nome di Ronin (letteralmente “uomini alla deriva”). Un guerriero che si rispetti dedica la propria vita ad una causa che travalica il suo mero interesse personale. La generazione di trentenni, oggi, è una generazione che ha smesso di lottare per una causa superiore, per degli ideali: è una generazione stanca, disillusa, che non è neanche più in grado di arrabbiarsi. Vorrei che ogni trentenne leggesse il brano “Svegliatevi trentenni!“ di Oriana Fallaci. Non fraintendermi, non sono un sostenitore di rivoluzioni o manifestazioni di piazza, credo però fermamente nelle rivoluzioni degli individui. Se vuoi essere un guerriero moderno devi sposare una causa che vada oltre il tuo “orticello” personale, trovare uno scopo che ti guidi, individuare obiettivi che ti emozionino davvero. Più facile a dirsi, che a farsi. Solo pochi fortunati vengono folgorati e hanno immediatamente chiara quale sia la loro “chiamata”, la stragrande maggioranza di noi riesce a percepire solo dei flash di quel puzzle complesso chiamato vita. Non demoralizzarti per questo: continua ad indagare (magari utilizzando queste 10 domande) e quando percepirai uno di quei brevi flash, non lasciare che scompaia nel tran tran quotidiano, lasciati trasportare dall’istinto, lo stesso istinto che guida la mano del guerriero mentre brandisce la spada in battaglia.

3. Dedicati alla pratica: “Più suderai in addestramento, meno sanguinerai in battaglia”  (George Patton). palestraIl nemico è ciò che il guerriero deve affrontare, la causa è ciò che egli vuole seguire, ma è solo l’addestramento a forgiarlo fino in fondo. Che si tratti dello studio prima di un esame, dell’allenamento prima di una gara o del lavoro prima della consegna di un progetto, la pratica costante e consistente è ciò che distingue i grandi “guerrieri” dalle mezze calzette. Datti obiettivi ambiziosi, ma lascia stare la Legge di Attrazione (o comunque le sue interpretazioni fuorvianti): dedica ogni minuto utile all’addestramento. Le grandi battaglie si vincono tra le mura di una biblioteca, di una palestra o di un ufficio. Le grandi battaglie si vincono giorno dopo giorno, durante quei giorni all’apparenza insignificanti. Le grandi battaglie si vincono nel momento in cui prendi un impegno con te stesso e hai la costanza di rispettarlo ad ogni bivio tra le scelte giuste e le scelte facili. Dedicati quotidianamente al perfezionamento della pratica e i risultati saranno inevitabili conseguenze. Questo post è stato un po’ diverso dal solito …sicuramente per me che l’ho scritto, lo è stato …mi auguro che lo sia stato (piacevolmente) anche per voi che lo avete letto. Forza! Affrontate questa settimana come dei veri guerrieri.

E’ sempre tempo di Coaching! 

se hai domande o riflessioni da fare, ti invito a lasciare un commento a questo post: sarò felice di risponderti oppure: prendi appuntamento per una sessione di coaching gratuita
0

Aggiungi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.